LA PRIMA BLOGGATA
18
Feb 2021

MONICA BARBARA PERDOMI

LA PRIMA BLOGGATA


LA PRIMA BLOGGATA

 

Trekking in val Brembana: inseguendo una lettera lungo la Mercatorum da Oneta a Cornello dei tasso. Una strada trafficata costeggiata dalla vecchia linea ferroviaria, ora suggestiva ciclabile, e dall’impetuoso Brembo.

Il rombo delle auto, il clacson dei pullman e lo sferragliamento dei camion che commerciano, sono a noi estremamente famigliari.

Siamo a S. Giovanni Bianco pronti ad iniziare la nostra camminata lungo un tratto di Mercatorum.

Indossiamo i nostri scarponi e afferriamo i bastoni da trekking, imbocchiamo la mulattiera, la vecchia strada dei Mercanti e, passo dopo passo, senza fretta come i vecchi trafficanti con i loro muli, ci avviamo verso la nostra prima meta.

I rumori delle auto diventano solo un debole sottofondo che pian piano si confonde con lo sciabordio del fiume e con il rumore dei nostri passi e dei nostri bastoni da trekking.

Ecco che la piccola e graziosa Oneta ci accoglie. I suoi porticati adiacenti alla strada sembrano perfetti luoghi di sosta per mercanti in transito.

 

Entrando nel borgo storico, passando davanti alla dimora Grataroli, più nota come la casa di Arlecchino, celebre maschera legata alla ritualità agricola, giungeremo alla chiesetta di Santa Maria del Carmine dove l’affresco di San Cristoforo, protettore dei viaggiatori, ci indicherà l’antica via Mercatorum per raggiungere Cornello dei Tasso, borgo medievale tra i più belli d’Italia.

Sostiamo per una riflessione, una preghiera o per immergerci nel bosco con i suoi profumi e la sua energia. Riprendiamo il nostro trekking verso Cornello dei Tasso.

Terra natale dei Tasso di cui ricordiamo il più famoso Torquato e la sua “Gerusalemme liberata”, ma ancora più noti per essere i fondatori del servizio postale europeo di cui detennero il monopolio per secoli.

 

Dopo la visita di questo delizioso paesello e dei suoi musei, continueremo il nostro trekking sulla mulattiera che conduce al borgo Bretto, per arrivare alla chiesa di San Ludovico di Tolosa che la famiglia Tasso arricchì commissionando un ciclo di affreschi. 

Da lì, un facile e breve trekking per raggiungere “Settimo cielo”, azienda agricola dove Alberto, sognatore e infaticabile lavoratore, ci accompagnerà alla scoperta del suo progetto.

Possiamo riposare e appoggiare finalmente i nostri bastoni da trekking.

Se abbiamo portato il pranzo al sacco, potremo sostare in uno dei favolosi prati profumati che dominano la vallata.

Se invece vogliamo assaggiare la tipica cucina bergamasca, continuiamo il nostro trekking fino al Maso, agriturismo con prodotti a chilometro zero.  

Oppure fermiamoci sulla via del ritorno a Cornello dei Tasso presso l’antica Trattoria Camozzi.

 

  

TEMPI DI PERCORRENZA:

SAN GIOVANNI BIANCO- ONETA: 15 min

ONETA- CORNELLO DEI TASSO: 45 min

CORNELLO DEI TASSO- SAN LUDOVICO DI TOLOSA: 45 min

LIVELLO DI DIFFICOLTA’: FACILE

 

CONTATTI:

MUSEO DEI TASSO: Tel: 034543479 e-mail:  info@museodeitasso.com

TRATTORIA CAMOZZI: 0345 41306

 

AGRITURISMO AL MASO: 339 322 6964

AZIENDA AGRICOLA SETTIMO CIELO: 339 4469996 

 

 

( CLICCA SULLE IMMAGINI PER ANDARE AI PRODOTTI )